Archivi

CALABRIA MIA!

Calabria, mia cara Calabria
dolce terra baciata dal mar…

 

17499012_10155193620794250_8708063743552256452_n

Annunci

Il centro storico

    La scelta del sito per l’ubicazione del “centro abitativo” di Isca doveva corrispondere ad un criterio di maggiore sicurezza dalle eventuali scorrerie turchesche. Fu costruito, infatti, non certo, secondo un piano regolatore, come si farebbe oggi, ma per provvedere alla sistemazione di un primo nucleo di popolazione, che avendo abbandonato le zone marine, cercava luoghi più favorevoli e tranquilli. E’ presumibile che questo primo nucleo di abitanti, non fosse omogeneo, ma, fosse costituito da un rimescolamento di gente di origine greca, con quella indigena di Ausoni, Enotri e Brezi, che diedero di fatto un nuovo gruppo tecnico “il popolo calabrese”. Le prime abitazioni, furono costruite lungo la salita del versante ovest, ai cui piedi scorre il torrente “Valleoscura” e ne fanno fede, le case che, ancora esistenti, mostrano segni di vetustà. Il nucleo centrale di case fu chiamato “BORGO” e conserva pressoché intatto un centro storico con palazzi antichi, viuzze caratteristiche ed una torre di origine medievale. Inoltre le prime indagini di superficie, hanno evidenziato presenza di materiale ceramico e laterizio, mentre da numerosi sbancamenti di cantiere sono emersi laterizi e numerosissimi frammenti ceramici di grossi contenitori per derrate alimentari e frammenti di ceramica a pareti sottili oltre ad alcune lucerne romane.

Le origini del paese

    Paese d’origine greca, fondato per la prima volta in una località della Marina chiamata “SANAGASI”, a breve distanza dal mare. Tale località fu poi abbandonata a causa delle incursioni saracene e venne ricercata l’attuale sul torrente Valleoscura come recondita e quindi sottratta alle insidie dei pirati. Storicamente sono provate le cause dell’abbandono di tutti i centri del litorale. Nel IX secolo gli abitanti, terrorizzati dalle frequenti incursioni dei musulmani, si trasferirono all’interno, in luoghi più sicuri e facilmente difendibili.

Le origini del nome

    Il nome del paese non ha origini ben stabilite. Varie sono le    supposizioni, ma le 3 più importanti sono:

1. dal greco “ischon = ritegno”. I ritegni sono i ristagni d’acqua formati dall’occlusione delle frane a Valleoscura, su cui scorge la prima borgata Iscana.

2. da un’erba “isca” che masticata, calma il dolore dei denti.

3. o dal nostro stesso idioma “isca = isola” perché è posta tra i 2 torrenti “Valleoscura” e “Salubro” ed il Mare Jonio, di cui gode di un’eccezionale veduta ed una splendida spiaggia.

Posizione geografica

    È uno dei tanti comuni della Calabria, incastonato in una collina arenaria, da cui si scorgono le limpide e splendide acque del Mar Jonio. Confina a Sud con Badolato, a Nord con Sant’Andrea e a Ovest con le montagne di Brognaturo e San Sostene. Il suo clima è caldo d’estate e mite d’inverno, è ricca di sorgenti e ci sono diverse cave di granito. E’ un paese prevalentemente agricolo, anche se negli ultimi anni si sta sviluppando anche il settore industriale.


Isca sullo Jonio…

…un paese avvolto da un velo di mistero…

Se nella prima pagina di questo mio blog mi sono concentrata sulla mia amata regione, ora sposto la mia attenzione al posto che più AMO sulla faccia della terra: IL MIO PAESE!!! Quì ho vissuto la mia infanzia, vivo il mio presente e vivrò sicuramente il mio futuro!